Home Cronaca Cronaca Milano

Rozzano, padre uccide l’ex suocero accusato di abusi sulla nipotina

0
CONDIVIDI
Rozzano, padre uccide l’ex suocero accusato di abusi sulla nipotina

Un 63enne è stato ucciso ieri pomeriggio a Rozzano. L’uomo, A.C. di Secondigliano, era indagato dalla Procura di Milano per presunti abusi sessuali su una nipote di cinque anni. 

Ad ucciderlo, sparandogli, il padre della piccola ed ex marito della figlia della vittima, madre della bambina.

Dopo aver ucciso il 63enne, l’uomo avrebbe chiamato i carabinieri e si sarebbe costituito insieme alla persona che lo ha accompagnato sul posto. 

I fatti erano stati denunciati dalla madre ed in Procura era stata sentita di recente anche la piccola sui presunti abusi.

Da quanto è stato riferito, il padre della piccola dopo aver saputo che l’ex suocero era accusato di presunti abusi su sua figlia e che la bambina era stata anche sentita in un’audizione protetta in Procura a Milano, avrebbe deciso di uccidere il 63enne. 

Alla tenenza dei carabinieri di Rozzano, accompagnati dai propri avvocati si sono presentati E.S., di 35 anni, ritenuto l’autore materiale dell’omicidio, avendo sparato cinque colpi di pistola, quattro dei quali hanno raggiunto il 63enne e A.M., di 27 che lo ha accompagnato in scooter e che secondo l’omicida sarebbe stato all’oscuro di quello che stava per avvenire.