Home Cronaca Cronaca Brescia

Omicidio parco del Bresciano, 28enne confessa durante interrogatorio

0
CONDIVIDI
Francesca Fantoni

Alla fine, durante un’interrogatorio in carcere a Brescia il 28enne Andrea Pavarini, ha confessato l’omicidio di Francesca Fantoni, la 39enne trovata morta lunedì mattina nel parco dei Bersaglieri, a Bedizzole, in provincia di Brescia. 

Avrebbe commesso l’omicidio anche in modo efferato a mani nude, picchiandola fino a farla morire. E’ quello che risulterebbe dai primi rilievi anche se sarà l’autopsia a dare il responso definitivo.

Andrea Pavarini, padre di un bimbo di tre mesi ha ammesso le proprie responsabilità. Ad incastrarlo il sangue sulla felpa che indossava sabato sera e che è stata trovata a casa dell’uomo fermato corrisponde al profilo genetico di Francesca Fantoni. 

Lo hanno stabilito le analisi effettuate dagli inquirenti e il dato è contenuto nella richiesta di convalida del fermo pr il 32enne accusato di omicidio volontario.

Inoltre in un video i vedrebbero i due uscire da un bar con il 32enne che ha la felpa pulita; ma dopo circa mezz’ora in un altro video ripreso da una telecamera diversa, la sua felpa appare sporca.

L’efferato delitto sarebbe avvenuto tra le 20.30 e le 22 di sabato sera e la 39enne sarebbe stata uccisa direttamente nel parco pubblico dove è stata trovata senza vita lunedì mattina, massacrata di botte. 

Al vaglio degli inquirenti anche il telefono cellulare della donn che sarebbe stato trovato in frantumi.

In paese è invece iniziata una raccolta fondi a sostegno della famiglia Fantoni, molto conosciuta a Bedizzole.

Donna trovata morta parco a Brescia, fermato un uomo