Home Economia Economia Milano

Lavoro: oltre la triennale c’è di più!

0
CONDIVIDI
Lavoro: oltre la triennale c'è di più!

Dopo tre anni di esami, impegno e magari un tirocinio formativo, lo studente arriva al conseguimento della laurea triennale e cominciano i dubbi sul futuro. Cosa fare dopo? Cercare di entrare subito nel mondo del lavoro o continuare a specializzarsi?

I dati dimostrano che molti studenti arrivati alla prima importante meta del loro percorso di studi, si trovano spiazzati su ciò che riguarda il loro futuro. C’è anche uno studio che attesta come molti studenti preferiscano posticipare la data della laurea, perché ancora impreparati a decidere quale strada prendere successivamente.

Al giorno d’oggi, soprattutto in Italia, è difficile riuscire a trovare un buon impiego nel settore prediletto solo con il conseguimento della laurea triennale, ecco perché per lo studente ambizioso che sogna di fare carriera dovrebbe riflettere bene su come continuare la sua specializzazione.

Ovviamente, la scelta di continuare gli studi oltre la triennale deve essere dettata da un’attenta analisi delle proprie capacità, del mondo del lavoro nel settore scelto e la situazione socio-economica del paese in cui si vorrà lavorare.

La prima opzione che molti studenti scelgono è completare la propria formazione con una laurea specialistica, scegliendo tra diversi corsi quello più attinente alle proprie attitudini, come quelli offerti da Unicusano. Il biennio magistrale non deve essere per forza legato alla facoltà che si è scelta per la triennale, ma spesso si possono integrare discipline complementari per rendere il proprio percorso più specializzato. Ad esempio, si può scegliere di frequentare giornalismo dopo una laurea in lingue o scienze psicologiche dopo filosofia.

Per scegliere al meglio è sempre giusto valutare quale professione si vorrà intraprendere, con quale responsabilità, quali sono le caratteristiche personali e del paese in cui si vorrà esercitare la professione. Inoltre, l’aggiunta di laboratori o frequenza obbligatoria a differenza di alcuni corsi triennali riesce a stimolare lo studente a divenire un futuro lavoratore, costante negli impegni e nelle presenze.

Anche il master può essere una scelta opportuna per alcuni percorsi formativi, anche perché in numerose facoltà sono disponibili corsi dedicati esclusivamente a chi ha conseguito solo la triennale, chiamati master di primo livello. Ci sono due tipi di master: quelli organizzati dalle università e quelli organizzati da enti privati. Entrambi hanno i loro pro e contro, ma permettono allo studente desideroso di imparare di più di acquisire una formazione più pratica.

I master organizzati da enti privati, inoltre, sono quelli con più contatti con aziende esterne, dove di solito lo studente si reca a fare uno stage e inizia così l’inserimento nel mondo del lavoro.

Molti studenti, invece, che non vogliono continuare a studiare ancora, scelgono di cominciare a contattare aziende per capire se il loro profilo è adatto a una determinata posizione, anche avendo solo la laurea triennale. Alcuni scelgono, poi, di recarsi all’estero dove cercare fortuna. Un’opzione interessante potrebbe essere quella di cominciare a fare volontariato, in questo modo una persona può diventare più interessante durante un colloquio di lavoro, dimostrando le proprie capacità.

Infine, un tirocinio all’estero sarebbe un’altra scelta papabile, per implementare la lingua e diventare ancora più appetibili una volta tornati in Italia.