Home Cultura Cultura Milano

Il padiglione Russia ad Expo con i Romanov

0
CONDIVIDI
Romanov Expo
Romanov Expo
Romanov Expo

MILANO. 27 OTT. La Russia degli Zar, attraverso la collezione Romanov proveniente dal Museo DAPHNÉ di Sanremo, una mostra itinerante di abiti documenti, stampe e fotografie originali raccolte nel corso di 50 anni di attività dell’Atelier sanremese, esposte per la prima volta ad Expo 2015, nel Padiglione Russia dal 27 al 30 ottobre.

Un’iniziativa nata da un connubio assai particolare tra i profumi delle terre di Sanremo, amate allora da Marija Aleksandrovna e riproposte con le fragranze della rosa, fiore che lei tanto amava, fanno di questa mostra un’interessante unione culturale tra i due paesi: Russia e Italia tra presente e passato.

Fiori, profumi, costumi, la storia che arriva fino a noi attraverso la passione, la cura e la costanza della famiglia Borsotto, fondatrice del brand DAPHNÉ Sanremo, che ha raccolto in tanti anni di attività sartoriale, abiti ed oggetti colmi di storia da raccontare, spesso donati da clienti internazionali dell’Atelier le cui antenate erano blasonate nobildonne russe, italiane e francesi, rendendo prezioso il Museo DAPHNÉ della moda e del profumo, creato nel cuore di Sanremo.

Ciò che si potrà ammirare nel Padiglione Russia ad Expo, nella settimana di chiusura, è solo una piccola parte della vasta collezione di oggetti appartenuti alla nobiltà russa che ha frequentato la Riviera da metà ‘800 a partire da Marija Aleksandrovna che fece di Sanremo la sua seconda dimora e diede inizio all’era del turismo russo nella Riviera dei Fiori.

L’Atelier DAPHNÉ ha dedicato ai Romanov una collezione di foulard su seta raffiguranti la “Rosa Romanov”, ibridata da Antonio Marchese, eccellente ibridatore italiano.