Home Spettacolo Spettacolo Milano

I ballerini della Scala non apprezzano per niente il nuovo cartellone

0
CONDIVIDI
Ballerini della Scala in Sogno di una notte di mezza estate
Ballerini della Scala in Sogno di una notte di mezza estate
Ballerini della Scala in Sogno di una notte di mezza estate

GENOVA. 10 MAG. Alla fine della presentazione della nuova stagione di Balletto 2016-2017 il ridotto dei palchi, dove si e’ svolta la conferenza stampa e’ stato invaso da una cinquantina di danzatori che chiedevano un incontro urgente con il sovrintendente Alexander Pereira.

Il motivo è questo: la programmazione: “e’ sbilanciata. Per troppi mesi non ci sono titoli classici e rischiano di perdere la forma fisica, mentre a luglio, quasi contemporaneamente ce ne sono due. Del resto con Bigonzetti al timone come si poteva pensare qualcosa di diverso? Sotto accusa infatti è un programma ‘troppo poco classico, non in linea con la tradizione di quel corpo di ballo’.

La richiesta del Corpo di ballo scaligero e’ che “si rivedeva la programmazione” e si sposti una data, in modo da intervallare ballo classico e moderno. Una possibilita’, questa’ gia’ quasi del tutto esclusa dal sovrintendente Alexander Pereira che insiste sulla maggiore attenzione che viene data al Balletto in questa stagione, con 3 produzioni nuove e la scelta di aumentare il numero delle recite da 60 a 90 organizzando piu’ tournee’ all’estero. Il calendario fa capire Pereira dipende da mille incastri, anche dalla disponibilita’ data da un direttore d’orchestra famoso come Zubin Metha, per esempio, che sara’ alla Scala in febbraio.

Mauro Bigonzetti, vista la protesta ha preferito andar via senza dire una parola.

FRANCESCA CAMPONERO