Home Cronaca Cronaca Lodi

Coronavirus, C’è un contagiato in Lombardia: è un 38enne | AGGIORNAMENTO

0
CONDIVIDI
Donna ucraina indagata per il reato 650 c.p. segnalata da un residente perché vendeva mascherine chirurgiche in strada.

AGGIORNAMENTO

Purtroppo sono tre i contagiati per il Corona Virus. Oltre al 38enne che è ricoverato all’ospedale di Codogno con le sue condizioni che sono ritenute molto gravi, ci sono altri due contagiati: la moglie ed una terza persona che si è presentata spontaneamente in un ospedale con sintomi di polmonite e che avrebbe avuto dei contatti con il 38enne.

Ci sarebbe un primo contagiato tutto italiano. Si tratta di un 38enne che è stato ricoverato all’ospedale di Codogno, nel milanese che è risultato positivo al test del Coronavirus.

L’uomo si è presentato giovedì al pronto soccorso dell’ospedale di Codogno, nel Lodigiano accusando i classici sintomi. 

L’ospedale di Codogno

Il pronto soccorso è stato messo in sicurezza e al momento le autorità sanitarie stanno ricostruendo i suoi spostamenti.

“Sono in corso le controanalisi dell’Istituto Superiore di Sanità”. A comunicarlo è lo stesso assessore al Welfare della Regione Giulio Gallera aggiungendo che l’italiano “è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Codogno i cui accessi al Pronto Soccorso e le cui attività programmate, a livello cautelativo, sono attualmente interrotti”.

“Le persone che sono state a contatto con il paziente – ha spiegato l’assessore – sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie”.

Nel mentre per i 55 italiani rientrati a Roma da Wuhan, lo scorso 3 febbraio, è finita la quarantena alla Cecchignola, all’interno della città militare nella Capitale: hanno passato diciotto giorni sempre con guanti e mascherine, perennemente sotto osservazione.

Ma alla finesono usciti con i volti sorridenti e commossi, portando con sé zaini e trolley. 

I ministri della Difesa e della Salute, Guerini e Speranza, che hanno visitato il centro militare, li hanno abbracciati calorosamente.